Platform Rane Volanti: in cantiere

Dopo i primi incoraggianti test, e la prosecuzione del lavoro di mappatura dell’attività associativa di Via Padova, il lancio della platform, versione beta, è previsto per la prima metà di dicembre

No Comments »
Tags: ,

Che cos’è Leibniz

Leibniz è il nome dato a un ambizioso progetto di ricerca software finanziato da BE-MA editrice, mirante a creare delle piattaforme web che permettano un’interattività ordinata e utile ai professionisti di diverse filiere, ben al di là di quanto finora fatto dai social network commerciali.
Tale obiettivo vuole essere raggiunto attraverso l’unione di
a) Wordpress
b)Ontology Web Language
c) NoSql Databases

No Comments »
Tags: , , ,

Semantic web, Call for applications

L’area N.TE. di G.EN.TE. sta duramente lavorando su un progetto di ontologie su owl. Tutti coloro che abbiano interesse, esperienza, o anche solo voglia di imparare, in tema di web semantico, owl, protegé, tassonomie folli e ardite macchine universali, sono invitati a farsi sentire, lasciando un messaggio nell’area Partecipa

No Comments »
Tags: , ,

Tecnologia oggi

G.EN.TE, che rimandi al tempo stesso a una riflessione su cos’è oggi la tecnologia, a una riflessione su una comunità possibile, e infine a una strategia concreta per rianimare e restituire alla città uno spazio ora vuoto. G.EN.TE., che cerchi, con esito non scontato, di costruire, nel caos in cui viviamo, una piattaforma di senso, tale che sia, al tempo stesso, incisiva e accessibile. G.EN.TE., comunità di esuli e di inventori, ti auguriamo di essere così verticale da essere incisiva, e così ampia da essere accessibile, così ci potremo affezionare ed emozionare pensando a te.
Che cosa è la tecnologia oggi, e perché mai potrebbe essere un nuovo vettore di legame sociale? La tecnologia, oggi, piuttosto, sembra sempre di più assediare, asserragliare, invadere – e infine, in una parola cara al Novecento, alienare. Un laptop sulle ginocchia, uno smartphone all’orecchio, un tablet in mano, i nostri apparati tecnologici sempre più accompagnano e informano i nostri gesti, da quelli più comuni a quelli più rari, frugando nella nostra intimità in misura inedita e impressionante. User è il nome ironico che accomuna in inglese i tossicomani agli internauti, inseguiti dai propri account sui social network, dalle valanghe di e-mail e alert, da nugoli di sms e chiamate, e soprattutto dall’ingiunzione a scrivere e a produrre a propria volta altrettanto, pena la cancellazione dallo spazio sociale. Questo sembra fare, oggi più di ieri, la tecnologia, la Nuova Tecnologia: alienare.
Una cosa tuttavia abbiamo imparato: riscatto ed emancipazione non avvengono al di qua delle forze storiche, ma al di là di esse; e questo la tecnologia ha di vero: è una grande forza storica, che passa la sua mano imparziale su tutte le cose. Fa perdere posti di lavoro, ne fa trovare degli altri, scompagina gli equilibri; fa quello che ha sempre fatto la Storia. Soltanto esplorandola, rivivendola, riprogettandola e reinventandola, soltanto in questo modo il suo lato oscuro può venire disattivato e superato.
Giovani e Nuove Tecnologie fruga la tecnica da dentro come lei fruga noi, e fissa lo sguardo nella tenebra del presente, se ne lascia attraversare senza timore, per poi liberarsene con un colpo d’ala.

No Comments »
Tags:

Che cos’è G.EN.TE.

G.EN.TE., Giovani e nuove tecnologie, è il piano di indirizzo con cui Fondazione Bertini Onlus si propone di rianimare e restituire alla città l’ex oratorio di Via Caroli 12 a Milano, a pochi passi da Via Padova, che le è stato affidato in diritto di superficie il 3 settembre 2010.

G.EN.TE. vuole unire un lavoro di solidarietà sociale con un lavoro sulla tecnologia. Dalla formazione all’inserimento lavorativo, dalla ricerca applicata a quella teorica, dalla produzione alla fruizione culturale, fino alla convivialità e alla ricreazione, molti sono i versanti secondo cui le nuove tecnologie possono essere percorse in vista della, anziché contro alla, ricostruzione del legame sociale. Ma non solo: abbiamo più di un motivo per credere che i soggetti emarginati a cui ci rivolgiamo, in particolare utenti psichiatrici, ex detenuti e rifugiati,  possano fornire più di un motivo di scoperta e innovazione e sullo stesso versante tecnologico.

G.EN.TE. è il titolo dato a un progetto; un titolo che ci sembra sufficientemente concreto per segnare una via, sufficientemente astratto per fare in modo che la via non sia già segnata; in questo forse un buon titolo; ma il lavoro, va da sé, è ancora tutto da fare.

No Comments »
Tags: ,

Seminario Le Politiche dell’Amicizia

Settembre è arrivato, con l’aria pulita e il cielo azzurro dei suoi giorni migliori, e anche noi siamo pronti a partire.  A breve prenderà avvio il primo progetto di G.E.N.TE., un Seminario sulle Politiche dell’Amicizia, che inizierà il 30 settembre dopo alcuni colloqui preliminari per i partecipanti che andranno dal 15 al 20 settembre.

Il seminario, che prende nome da un volume di Jacques Derrida, coinvolgerà partecipanti e uditori in un percorso d’un anno di riflessione sui temi dell’amicizia, della comunità, dell’impresa, a partire dallo studio di testi dell’autore. Ognuno dei partecipanti avrà infatti il compito di studiare e approfondire uno degli scritti di Jacques Derrida per poterne conferire con gli altri durante le sedute di studio, che avverrano un giovedì sì e uno no dal 30 settembre al 30 giugno.
Seguendo i link qui riportati potrete scaricare i documenti condivisi durante l’incontro di presentazione del Seminario, l’intervento di Giovanni intitolato “Leggere Derrida” e la mappa degli 11 concetti chiave.

“Leggere Derrida”

La mappa degli 11 concetti chiave

Ecco infine il link dal quale potrete scaricare delle scansioni di pagine e libri che abbiamo reputato potessero essere interessanti per tutti:

Scansioni libri

Vi troverete:
- il capitolo secondo ( “Lo spirito libero”) di Al di là del bene e del male di Nietzsche
- le pagine dedicate a “Indipendenza e dipendenza dell’autocoscienza; signoria e virtù” della Fenomenologia dello Spirito di Hegel
- la “Introduzione alla lettura di Hegel” di Kojève (che era stata consigliata come lettura propedeutica durante la discussione di lunedì)
- delle pagine scelte de “La filosofia nell’epoca tragica dei Greci” di Nietzsche e infine i capitoli 5 e 6 de “Le Politiche dell’Amicizia” di Derrida, lettura obbligatoria per tutti coloro che parteciperanno al Seminario.

No Comments »
Tags: , , ,

Rimani aggiornato sulle nostre novità

Collabora con noi

Partecipa

Contribuisci anche tu ai progetti G.EN.TE

Gente's main sponsor