venticinquezerouno

May 4th, 2012

Jacopo Ceccarelli aka 2501 was born in Milan in 1981. He started to paint at the young age of 14 and never gave up working on the walls of his own city, Milan.  He studied as a film editor at the “Civica Scuola di Cinema” of Milan.  He moved to Sao Paolo at the age of 20. Here he got in contact with all of the South American graffiti school (os Gemeos,Herbert Baglione,Higraff,Zezao etc etc:::) changing totally his approach to painting.  First with the Tag of Robot Inc (with this name he was published on the Tristan Manco’s book “street logo”/ thems and hudson) and then as 2501 he started a new style that put together wallpainting, paint on canvas,sculputure and video.  Back in Milan, between 2004 and 2007 he was member of llloolll studio, mainly working with webdesign, motion graphic, and much more.   In 2007 he moved for the 2nd time to Sao Paolo and started to focus just on his artistic career .  He joined various exhibitions and books about street art such as : “Street logo” ( by Tristan Manco) Thems and Hudson, “Art of rebellion 3″ , dunk windows (nike IT), “The Urban Edge show” (milan) , “Urban Affair” (Berlin), he won in 2009 the “Metropolis art price” in New York with the video “mask” (The jury :Isabella rosselini,Cedar Lewisohn  curatore della mostra “Street Art” Tate Modern Londra 2008 ,Lee Wells curator of the expo “Multi-Channel Video Installation”  State Hermitage Museum St. Petersburg, Russia 2008 and
Howard Halle editor Time out new york ) that was screened in time square.  He currently  lives and works between Milan, Berlin and Sao Paolo.
jacopo Ceccarelli a.k.a. 2501 nasce a milano nel gennaio del 1981. Inizia a dipingere a 14 anni da autodidatta e porta avanti la sua passione sui muri della sua città, Milano. Si forma montatore alla civica scuola di cinema di Milano. Finita la scuola frequenta un master di comunicazione visuale alla nuova Bauhaus di Weimar in Germania. Grazie a “Studio Bici” parteciperà come aiuto montatore alla realizzazione di “Racconti di guerra ” di Mario Amurra,film vincitore del Davide di Donatello nel 2005 e selezionato al Festival di Berlino. A 20 anni si trasferisce a S. paolo del brasile per un anno dove lavora come impaginatore e collabora con alcune ONG per insegnare a dipingere ai bambini delle “favelas”. Qui viene a contatto con la scuola di graffitismo sud americana (os gemeos herbert baglione higraff zezao etc etc:::) e il suo approccio alla pittura cambia completamente. Prima con lo pseudonimo di robot inc (con questo psudonimo viene pubblicato su libro di Tristan Manco “street logo” Thems and Hudson) e poi come 2501 inizia un percorso nuovo che integra graffiti,pittura su tela,scultura e video.  Ha partecipato a varie esposizioni e libri sulla street art europea.”Street logo” ( by Tristan Manco) Thems and Hudson, “Art of rebellion 3″ ,”The Urban Edge show” (milan) , “Urban Affair” (Berlin), ha vinto nel 2009 the “Metropolis art price”  New York with con il video “mask” (The jury :Isabella rosselini,Cedar Lewisohn  curatore della mostra “Street Art” Tate Modern Londra 2008,Lee Wells curator of the expo “Multi-Channel Video Installation”  State Hermitage Museum St. Petersburg, Russia 2008 andHoward Halle editor Time out new york )proiettato in time square NY  Vive e lavora tra Milano,Berlino e San Paolo del brasile.
MANIFESTO  > 2501 is’nt a physical entity. > 2501 it’s the ghost in the shell. > 2501 interprets the surrounding enviornment. > 2501 transforms itself into time without limits of style or media. > 2501 nurtures itself with the surrounding enviornment proposing deep and new ways of interpretation. > 2501 knows that to see the dawn there is no other road but the night. > 2501 cannot follow the roads already paved. > 2501 does’nt believe in the traditional artistic enviornment and its cast system of organization. > 2501 is the expression of multiple artists and thier exchange with one another. > 2501 chooses the urban enviornment as his privillaged space to exchange ideas. > 2501 chooses the urban enviornment as his exhibition space. > 2501 knows that the greatest luxury is that of extending ones time without limitations. > 2501 believes that he who commands his own time has the privillage and thus the responsability to react for those who cannot. > 2501 believes that art should give a critical vision of society not in a superficial manner but in a lucid and intelligent truth. > 2501 believes that being able to make art in life is a luxury.    2501non è un entità fisica. 2501 è lo spirito nel guscio. 2501 interpreta l’ambiente circostante.                                                                                                                             2501si trasforma nel tempo senza limiti stilistici o di media. 2501 si nutre dell’ambiente circostante proponendo nuove e sommerse chiavi di lettura. 2501 sà che per vedere l’alba non c è altra strada che la notte. 2501 non può seguire nessun percorso pretracciato . 2501 non crede nell’ambiente artistico tradizionale e nella sua organizzazione in caste. 2501 è espressione di interscambio tra artisti. 2501 sceglie l’ambiente urbano come luogo privilegiato di interscambio artistico. 2501 sceglie l’ambiente urbano come luogo per esporsi. 2501 sà che il più grande lusso è disporre del proprio tempo senza limitazioni. 2501 pensa che chi è padrone del proprio tempo , e quindi privilegiato,si debba battere per chi non lo è. 2501 pensa che l’arte debba dare una visione critica sulla società in una maniera non didascalica ma ludica. 2501 pensa che poter fare arte nella vita è un lusso.

EXPOSITIONS
-”Arte impropria” 2004 esposizione collettiva realizzazione di due tele di 60 m per 4m di altezza partecipanti: 2501,Bo 130,Microbo.Santi,Mork,Wiliam Barras,Mr jago,Peter FOwler,London Police,Ozmo,Pavia,Galo  -”Biennale adriatica di arti nuove” 2004 installazione video “polimeri flessibili”  -”Now underground” 2005 esposizione collettiva stazione centrale Milano partecipanti: 2501,Bo 130,Microbo,Honet,jeremy Fish,Dumbo  -”100 artisti per un museo” 2005 studio llloolll installazione per il museo di Casoria Napoli “Napoli 12 colori” acrilico su legno 187cm-1300cm  -”Urban edge show” 2006 esposizione collettiva Milano partecipanti: 2501,Bo 130,Microbo,Obey,London Police,Barn stormer,mis van,Swoon,Nano,Luze,Alex1,Mr jago,Sasu e Kami,Doze Green,Sharp,Blu,  -instalazione video per “160insurgentspace” 2006  Tirana Albania   ”Grazie a dio tutto bene” video installazione girata nei territori occupati della Palestina  -”Art off italian design” 2006 esposizione colletiva Atene Grecia esposizione di tutti i più importanti designer italiani dagli anni 70 a oggi e una selezione di giovani artisti emergenti  -”Re mida” 2006 esposizione collettiva partecipanti: Matteo Guarnaccia,Prof Bad trip,studio llloolll fuori salone del mobile  galleria Cerniaia in concomitanza con la settimana del design di milano.  -“O resto da comida do rei” 2008 solo show collettivo galleria San Paolo del brasile  -“TEC” 2008  Berlino  MYMO gallery  -”Trick me twice ottobre”2008-10-09 2501-highraff Avant garden gallery Milano  -”L’io scuoiato,ovvero un amore meno che umano” 02-2009 fragile continuo gallery Bologna solo show  -”Muralismo morte”     marzo 2009    motorhalle Dresda germania    collettiva  -”in-out” Special painting project for fondazione Bandera per l’arte  aprile 2009 2501-ozmo-zibe  -”street without walls”    2009   palazzo della misericordia pz duomo firenze.  -”sopra il sotto”    metroweb con il patrocinio del comune di milano    super studio più milano  _”urban affair”      Berlino giugno 2009  _”freeshout” ottobre 2009  Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci Prato   _”jurodivyj”      San Pietroburgo Russia dicembre 2009     ”oioioi” gallery

✓ _New York,Times Square dicembre 2009

✓  proiezione pubblica in time square del video “mask” video della performance realizzata a San Paolo Brasile 2008

✓  Vincitore dell Metropolis Art Prize 2009

✓ Giuria:   Isabella rosselini Cedar Lewisohn  curatore della mostra “Street Art” Tate Modern Londra 2008 Lee Wells   curatore della mostra  ”Multi-Channel Video Installation”  State Hermitage MuseumSt. Petersburg, Russia 2008
Howard Halle    editor Time out new york

_”Urbanpainting xmas show”      Milano Italia dicembre 2009    ”Spazio Concept”  -”Edition” grupe show at “The don gallery” milano italy 05 2010    featuring: Bo130,

Posted under: Uncategorized




Leave a Reply


You must be logged in to post a comment.

Rimani aggiornato sulle nostre novità

Collabora con noi

Partecipa

Contribuisci anche tu ai progetti G.EN.TE

Gente's main sponsor